“Torino a cielo aperto”, un’estate di eventi

 “Torino a cielo aperto”,  un’estate di eventi

“Torino a Cielo Aperto”, dal 1 giugno al 30 settembre

Una città che per quattro mesi diventerà teatro, laboratorio culturale, palco dove si esibiranno danzatori e artisti. Questo sarà “Torino a cielo aperto”, il festival estivo che partirà domani 1 giugno, portando arte e spettacolo per le vie della città fino al 30 settembre. La kermesse che ridarà cultura e musica alle serate torinesi, ha un calendario molto ricco: le vincitrici del bando sono 12 associazioni che prenderanno parte alla manifestazione, con altrettanti punti sparsi per tutta la città, le location avranno al massimo 500 posti. Grazie alle proposte dell’assessorato alla Cultura, alla Fondazione per la Cultura Torino e al sostegno di Iren e Intesa Sanpaolo, sarà possibile assistere a spettacoli musicali, teatrali, e ancora letture animate, incontri e attività per i ragazzi.

La musica tornerà protagonista durante l'”Evergreen Fest” al Parco della Tesoriera, a cura dell’Associazione Tedacà, dal 4 al 25 luglio con concerti, ma ci saranno anche libri, spettacoli e proiezioni. Saliranno sul palco Levante, Daria Bignardi, i Neri per Caso, Vladimir Luxuria, Federico Sirianni e Chadia Rodriguez. Anche l’Hiroshima Mon Amour sarà grande protagonista di quest’estate a cielo aperto: nello spazio verde dell’Hiroshima Sound Garden 2021 dal 15 giugno al 30 settembre i più piccoli dai 6 ai 14 anni potranno partecipare ad attività organizzate apposta per loro. Ci saranno poi proiezioni di film, presentazioni di libri e lezioni di teatro. Dall’altra parte di Torino, in Barriera di Milano ci terrà ‘Barriera a cielo aperto’  dal 6 giugno al 26 settembre, nell’arena Monterosa, nel Boschetto e ai Bagni pubblici di via Agliè. Letteratura, workshop, talk, concerti e una rassegna jazz proprio in via Agliè, fra aperitivi tematizzati, anche all’insegna della sostenibilità. E poi anche il Ginzburg Park Festival “This must be the place” al Cap 10100 e al Parco Ginzburg, 40 giorni di eventi e dibattiti e eventi di aggregazione.

A differenza della passata edizione, “Torino a cielo aperto 2021” non avrà le grandi arene cinematografiche dello scorso anno. “Quella di non proporre le grandi arene cinematografiche è stata una scelta precisa – ha spiegato Francesca Leon, all’assessore alla Cultura della Città di Torino – anche per agevolare le sale in città che attendono le prime uscite dei film e vivono un periodo di ripresa particolarmente difficile. Aprire le arene cinematografiche all’aperto sarebbe stato un danno per loro”. Il programma completo della manifestazione è consultabile su internet.

“Un programma a 360 gradi per tutte le età e per tutti i gusti – ha spiegato oggi la sindaca Chiara Appendino – per soddisfare più necessità. L’obiettivo è Sostenere una delle filiere che più ha sofferto la pandemia, garantire un’importante offerta culturale, premiare un pubblico fedele e affamato di cultura e dare spazio alle reti territoriali che stanno mostrando una forza propulsiva straordinaria”.

Condividi con i tuoi amici
Valeria Tuberosi

Valeria Tuberosi