Giornata mondiale della lettura, “Lettura Day” a Torino

 Giornata mondiale della lettura, “Lettura Day” a Torino

23 aprile, Giornata mondiale della lettura, #letturaday

Una delle attività più arricchenti, una di quelle spesso più trascurate. Oggi, 23 aprile, è la giornata mondiale della lettura e, proprio in occasione di questa ricorrenza, è stata organizzata la festa digitale del “Lettura Day”, su iniziativa di Adei, l’Associazione degli Editori Indipendenti. Una diretta Facebook, a partire dalle ore 17, che unirà quattro città europee: Barcellona, Roma, Firenze e Torino. Un susseguirsi di interventi, discussioni e letture di opere classiche e popolari, trasmessi dagli angoli più disparati delle città.

Da Torino interverrà Alessandro Barbero in occasione della presentazione del suo nuovo romanzo. Partecipano anche Pino Insegno, con una lettura dell’incipit di un celebre romanzo di Jack London e una giovane studentessa del Liceo Scientifico di Maglie, in provincia di Lecce che, interpretando lo spirito di “Lettura Day”, leggerà Cyrano de Bergerac all’interno di un supermercato. A Roma saranno assegnati gli Oskar del Libro, mentre l’attrice catalana Silvia Bel leggerà i versi di Dante in lingua catalana (la prima in cui è stata tradotta la Divina Commedia), dalla chiesa gotica di Santa Maria del Mar a Barcellona. Si tornerà in Italia con l’attore italiano Marcello Prayer che interpreterà i medesimi canti nella lingua madre, dal cenacolo di Santa Croce a Firenze.

I libri saranno i protagonisti di questa iniziativa, che andrà avanti fino al 23 settembre: ogni giovedì chi vorrà potrà fare alcune letture ad alta voce dei propri libri preferiti, postando il video sui social con l’hashtag #letturaday. Le persone che vorranno condividere con un pubblico più ampio le parole della propria vita, potranno registrare l’intervento sul sito www.letturaday.it.

“Lettura Day nasce da ADEI ma è aperta a tutti – sottolinea Marco Zapparoli, Presidente di ADEI – Abbiamo pensato a un progetto volutamente inclusivo e basato sulla continuità, una grande festa di tutti, uniti nel nome della lettura, il nostro patrimonio collettivo”. Dagli angoli delle strade, nei giardini pubblici, nei supermercati, davanti alle bellezze architettoniche, basta che si legga.

Condividi con i tuoi amici

Valeria Tuberosi